Benvenuto su Lode a te Forum. Clicca qui per registrarti

Spazio Partners

Cerchiamo autori che desiderano diffondere la parola di Gesù, leggi come diventare autore oppure scrivici.

Visitaci su Lodeate.it

Amo Gesù Ebook
Gratis su Google Play

Che sarà dei bambini privi di una famiglia?

Discussioni e sfide sull'evangelizzazione

Moderatori: Fondatori, Autori

Parole chiavi per questo argomento
una, che, privi, famiglia, sarà, dei, bambini, diritti, gruppi, suscita, generazioni, donna, disponibilità, adozione, redentore

Che sarà dei bambini privi di una famiglia?

Messaggioda Luciano » 27/09/2015,,
utilizza » Firefox Firefox » Windows NT 64 bits Windows NT 64 bits » Risoluzione: 1536 x 864 1536 x 864.

Tratto da Educat.it - Servizio a cura dell'Ufficio Catechistico Nazionale della CEI Conferenza Episcopale Italiana

UNA FAMIGLIA PER I BAMBINI CHE NE SONO PRIVI

107. Dio rimane Padre per loro e noi siamo chiamati a essere famiglia per loro. Non è lecito lasciarli soli ad affrontare la vita. La nostra solidarietà può renderli partecipi della storia dell’umanità.
Ogni comunità ecclesiale è fedele al Padre se si impegna a suscitare nelle famiglie cristiane l’attenzione e l’accoglienza verso questi bambini e, se necessario, una disponibilità all’affido familiare, all’adozione dei bambini più disagiati e alla costituzione di gruppi a dimensione familiare, che realizzino nel modo più idoneo un ambiente simile alla famiglia.

orfanibianchi.jpg


108. In ogni tempo lo Spirito Santo effonde nella Chiesa doni particolari e tra i battezzati suscita vocazioni nuove perché non manchi chi si impegni come padre o madre di figli generati non dalla propria carne, ma soltanto nell’amore.



TUTTI IMPEGNATI E RESPONSABILI DELLA VITA DEI BAMBINI

109. La Chiesa, anche attraverso le pagine di questo catechismo, invita a considerare il concepimento e la nascita di ogni bambino un avvenimento che arricchisce l’umanità. Coinvolge sempre molte persone e non solo i genitori. Si inserisce in una storia di molte generazioni, di famiglie con la loro storia passata, presente e futura, dell’intera comunità umana, territoriale, nazionale e universale.

LA SOLIDALE PRESENZA DELLA COMUNITÀ CRISTIANA

110. Le comunità dei cristiani esprimono la loro partecipazione a questo avvenimento anzitutto con la solidarietà a ogni mamma e papà, soprattutto se si trovano a vivere con angustia l’attesa di un figlio; poi con l’assicurare una casa ad ogni bambino; e nell’impegno concreto perché questo nuovo figlio di Dio non sia privato dei suoi diritti, a partire da quello di conoscere Gesù.

108. In ogni tempo lo Spirito Santo effonde nella Chiesa doni particolari e tra i battezzati suscita vocazioni nuove perché non manchi chi si impegni come padre o madre di figli generati non dalla propria carne, ma soltanto nell’amore.

TUTTI IMPEGNATI E RESPONSABILI DELLA VITA DEI BAMBINI

109. La Chiesa, anche attraverso le pagine di questo catechismo, invita a considerare il concepimento e la nascita di ogni bambino un avvenimento che arricchisce l’umanità. Coinvolge sempre molte persone e non solo i genitori. Si inserisce in una storia di molte generazioni, di famiglie con la loro storia passata, presente e futura, dell’intera comunità umana, territoriale, nazionale e universale.

LA SOLIDALE PRESENZA DELLA COMUNITÀ CRISTIANA

110. Le comunità dei cristiani esprimono la loro partecipazione a questo avvenimento anzitutto con la solidarietà a ogni mamma e papà, soprattutto se si trovano a vivere con angustia l’attesa di un figlio; poi con l’assicurare una casa ad ogni bambino; e nell’impegno concreto perché questo nuovo figlio di Dio non sia privato dei suoi diritti, a partire da quello di conoscere Gesù.

PADRE SANTO,
TU HAI FORMATO L’UOMO A TUA IMMAGINE;
MASCHIO E FEMMINA LI HAI CREATI
PERCHÉ L’UOMO E LA DONNA,
UNITI NEL CORPO E NELLO SPIRITO,
SIANO COLLABORATORI DELLA TUA CREAZIONE.
CON DISEGNO MIRABILE HAI DISPOSTO
CHE LA NASCITA DI NUOVE CREATURE
ALLIETI L’UMANA FAMIGLIA
E LA LORO RINASCITA IN CRISTO
EDIFICHI LA TUA CHIESA.
NELLA TUA MISERICORDIA
HAI TANTO AMATO GLI UOMINI
DA MANDARE TUO FIGLIO COME REDENTORE
A CONDIVIDERE IN TUTTO, FUORCHÉ NEL PECCATO,
LA NOSTRA CONDIZIONE UMANA.
COSÌ AMI IN CIASCUN BAMBINO
CIÒ CHE TU AMI NEL FIGLIO
POICHÉ IN LUI, SERVO OBBEDIENTE,
HAI RICONCILIATO A TE TUTTI GLI UOMINI
COME TUOI FIGLI.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
Luciano

Amministratore
 
Informazioni utente Informazioni utente
 

Non connesso

Spazio Partners


LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
 

Condividi su ...

Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su MySpaceCondividi con TumblrCondividi con Google+

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

Ritorna a Dubbi e Fede

cron