Benvenuto su Lode a te Forum. Clicca qui per registrarti

Spazio Partners

Cerchiamo autori che desiderano diffondere la parola di Gesù, leggi come diventare autore oppure scrivici.

Visitaci su Lodeate.it

Amo Gesù Ebook
Gratis su Google Play

Chi è costui, cosa vuole da noi?

Discussioni e sfide sull'evangelizzazione

Moderatori: Fondatori, Autori

Parole chiavi per questo argomento
chi, vuole, noi, costui, cosa, risurrezione, semplicità, profeta, furono, accogliere, nemici, giusto, immagini, scrivere, scelta

Chi è costui, cosa vuole da noi?

Messaggioda Luciano » 04/10/2015,,
utilizza » Firefox Firefox » Windows NT 64 bits Windows NT 64 bits » Risoluzione: 1536 x 864 1536 x 864.

Tratto da Educat.it - Servizio a cura dell'Ufficio Catechistico Nazionale della CEI Conferenza Episcopale Italiana

Ciò che Gesù ha fatto e le parole che ha detto sono risposta ai nostri interrogativi e altri ne suscitano: Chi è costui? Che cosa propone? Che cosa vuole da noi?

chi_e_gesu.jpg


Dalle mani della Chiesa riceviamo il Vangelo per scoprire insieme chi è Gesù. Il racconto di Marco segue il cammino di Gesù dal momento in cui egli si fa battezzare da Giovanni nel fiume Giordano, fino al giorno dell’arresto a Gerusalemme, alla morte e alla risurrezione.
Ecco che nella regione desertica della Giudea risuona la voce di Giovanni il Battista: “Preparate la strada del Signore, raddrizzate i suoi sentieri” (Mc 1,3).
È intenso il desiderio per la venuta del Messia. Gli abitanti di Gerusalemme e di tutta la Giudea accorrono ad ascoltare Giovanni, si fanno battezzare immergendosi nelle acque del fiume Giordano confessando i loro peccati.
“In quei giorni Gesù venne da Nazareth di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, uscendo dall’acqua, vide aprirsi i cieli e lo Spirito discendere su di lui come una colomba. E si sentì una voce dal cielo: “Tu sei il Figlio mio prediletto, in te mi sono compiaciuto”. Subito dopo lo Spirito lo sospinse nel deserto e vi rimase quaranta giorni, tentato da Satana” (Mc 1,9-13).
Con il gesto di immergersi nelle acque del Giordano, come i peccatori, Gesù accetta sino in fondo la solidarietà con il genere umano, e fa propria la volontà di Dio per la liberazione dell’umanità dal peccato.
L’obbedienza a Dio si misura nella prova. Nel deserto, satana, il nemico dell’uomo, tenta Gesù proponendogli una via diversa da quella indicata da Dio Padre. Gesù è uomo come noi, immerso nella nostra storia. Sperimenta le nostre tentazioni: progettare la vita senza Dio, cercare gli applausi del mondo, invece che la volontà del Padre... Egli è nostro fratello, in tutto simile a noi fuorché nel peccato.
In virtù dello Spirito donato dal Padre, Gesù è forte contro il male e lo vince.
Gesù vede la strada larga e facile, ma sceglie la via stretta, la fedeltà a Dio e alla sua parola. Dove lo condurrà questa scelta?

Con il dono dello Spirito, il Padre affida a Gesù la missione di liberare gli uomini dal peccato e di portare la giustizia e la pace.


MARCO L’EVANGELISTA

L’evangelista Marco quand’era poco più di un ragazzo conobbe Gesù; nel suo Vangelo Marco parla di un giovane testimone oculare dell’arresto di Gesù mentre gli altri evangelisti lo ignorano (cf ). Proprio quel ragazzo è stato il discepolo fedele di Pietro e suo interprete nello scrivere quanto l’apostolo predicherà nella comunità di Roma.
Negli Atti degli Apostoli egli viene chiamato talvolta Giovanni o soltanto Marco. Verso l’anno 40 dopo Cristo, Bàrnaba e Saulo lo portano con sé da Gerusalemme ad Antiochia e poi, come aiutante, nel viaggio apostolico a Cipro (cf ).

Testa di Cristo, di Georges Rouault
(1937 o 1938)

IL MESSIA CHI È?

Gli Ebrei aspettavano il Messia. L’Antico Testamento è una lunga preparazione per accogliere l’inviato di Dio, il Messia. Chi era? Cosa avrebbe fatto per salvare il popolo?
Nessuno lo sapeva con certezza e qualcuno aveva smesso di sperare. Al tempo di Gesù le aspettative sul Messia erano diverse: un re vittorioso sui nemici, liberatore della nazione ebraica (cf Is 7,10-159,1-611,1-9); un sacerdote e maestro, giusto e fedele; oppure un personaggio che scende dal cielo per il giudizio finale (cf Dn 7,9-14).
Chi mai aspettava uno come noi, solidale con gli uomini sino in fondo, obbediente a Dio in tutto?

Chi ha mai parlato come lui?


Il regno di Dio, che Gesù è venuto ad annunziare, è una realtà nuova e misteriosa. Mediante immagini, similitudini e parabole, Gesù parla del Regno che viene con semplicità e con autorità: egli conosce infatti i misteri di Dio e conosce bene gli uomini. A tutti Gesù propone la conversione al Vangelo del regno.
“Si riunì attorno a lui una folla enorme, tanto che egli sali su una barca e là restò seduto, stando in mare, mentre la folla era a terra lungo la riva. Insegnava loro molte cose in parabole e diceva loro nel suo insegnamento: “A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? Esso è come un granellino di senapa, che quando viene seminato per terra, è il più piccolo di tutti i semi che sono sulla terra; ma appena seminato cresce e diviene più grande di tutti gli ortaggi e fa rami tanto grandi che gli uccelli del cielo possono ripararsi alla sua ombra”. Con molte parabole di questo genere annunziava loro la parola secondo quello che potevano intendere. Senza parabole non parlava loro” (Mc 4,1-330-34).
Chi lo ascolta si domanda: “Chi mai ha parlato come costui?”.
Non tutti però accolgono la sua parola. Una profonda incomprensione cresce intorno a lui. I discepoli invece lo ascoltano con fiducia. Sono i suoi amici ed egli confida loro i pensieri del suo cuore. Si realizza la parabola del granello di senapa: la novità del Regno cresce in loro rapidamente.

Mai visto nulla di simile

La gente acclama Gesù profeta potente in opere e parole.
Le parole di Gesù non sono soltanto nuove e sorprendenti. La sua parola realizza ciò che annunzia, trasforma chi la accoglie con fede. È forte e potente come la parola di Dio che ha creato il mondo.
Allo spirito immondo Gesù grida: “Taci! Esci da quell’uomo”. E lo spirito immondo uscì da lui (cf Mc 1,23-27). Al lebbroso che lo supplica: “Se vuoi, puoi guarirmi”, risponde: “Lo voglio, guarisci” (cf Mc 1,40-41). A un paralitico dice: “Alzati, prendi il tuo lettuccio e va’ a casa tua” (Mc 2,11). Dalla barca sbattuta dalle onde del lago in tempesta sgrida il vento e dice al mare: “Taci, calmati”. Il vento cessa e si fa grande bonaccia (cf Mc 4,39-40).
La sua fama si diffonde ovunque. Tutti si meravigliano e dicono: “Non abbiamo mai visto nulla di simile” (Mc 2,12). Perfino i discepoli sono presi da timore e si dicono l’un l’altro: “Chi è dunque costui?” (Mc 4,41).
Le opere di Gesù sono a favore dell’uomo e rivelano che egli è più forte del male. E' venuto a liberarci.
“Un giorno si recò da Gesù uno dei capi della sinagoga, di nome Giairo, il quale, vedutolo, gli si gettò ai piedi e lo pregava con insistenza: “La mia figlioletta è agli estremi; vieni a imporle le mani perché sia guarita e viva”. Gesù andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno.
Dalla casa del capo della sinagoga vennero a dirgli: “Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?”. Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: “Non temere, continua solo ad aver fede!”. E non permise a nessuno di seguirlo fuorché Pietro, Giacomo e Giovanni. Giunti alla casa di Giairo ed entrati dove era la bambina, Gesù ne prese la mano e le disse: “Talità kum”, che significa: “Fanciulla, io ti dico, alzati!”. Subito la fanciulla si alzò e si mise a camminare; aveva dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. Gesù raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e ordinò di darle da mangiare” (cf Mc 5,21-2435-43).
Le opere di Gesù rivelano che Dio sta costruendo con potenza il suo regno. Nella persona di Gesù la forza d’amore del Padre irrompe nella storia e inaugura un mondo nuovo.

Chi accoglie Gesù si apre alla salvezza del Regno. Il regno di Dio è vittoria sul peccato e sulla morte.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
Luciano

Amministratore
 
Informazioni utente Informazioni utente
 

Non connesso

Spazio Partners


LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
 
Grazie a Luciano da parte di:  Informazioni utente

Condividi su ...

Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su MySpaceCondividi con TumblrCondividi con Google+

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

Ritorna a Dubbi e Fede

cron